La Tenuta il Tresto è iscritta in un contesto storico e culturale di primo ordine

STAGIONE 2019

La bella stagione è alle porte e l'Agriturismo Tenuta il Tresto si veste di nuovi colori e profumi... Approfittate delle nostre promozioni per organizzare la vostra vacanza in Toscana in primavera: contattateci per assicurarvi i migliori prezzi tramite mail: info@iltresto.com

 

Il borgo del Tresto, fulcro dell’omonima Tenuta, sorge, nel medievo, lungo l’antica Via Francigena, alle pendici del castello di Strozzavolpe, in prossimità della pieve di San Martino a Luco e del castello della Magione.

La Via Francigena

La Via Francigena, che da Canterbury portava a Roma, attesta l’importanza del pellegrinaggio in epoca medievale: esso doveva compiersi prevalentemente a piedi, per ragioni penitenziali, con un percorso di 20-25 km al giorno. Il pellegrino inoltre, non viaggiava isolato bensì in gruppo portando le insegne del pellegrinaggio: la conchiglia per Santiago de Compostela, la croce per Gerusalemme, la chiave per San Pietro a Roma. Lungo questo immenso percorso erano situati luoghi di ristoro e di sosta (hospitia) e di accoglienza per gli ammalati (hospitales).

Il castello di Strozzavolpe

Il castello prende il proprio nome dalla leggenda che vede protagonista una volpe ferocissima, quasi diabolica, che avrebbe ostacolato la costruzione del castello finché non fu impiccata e riempita d'oro per garantire al castello un'esistenza lunghissima quanto il corpo della volpe. Il castello di Strozzavolpe è la più importante delle fortificazioni minori che circondavano l'abitato di Poggibonsi oltre che l'unica giunta praticamente intatta a noi. Già ricordato come “Scoriavolpe” in un documento del 1154, ebbe come primo signore il conte Guido Guerra, che lo fortificò. Conserva ancora il perimetro irregolare delle mura medievali con l'accesso tramite una torre, l'antico cassero. All'interno si accede per un ponte levatoio e da una porta che passa sotto un'alta torre merlata, ricostruita in parte nel secolo scorso. Non c'è che dire, il luogo e l'atmosfera sono veramente suggestivi e chissà se veramente di notte è stato visto il fantasma della volpe aggirarsi da queste parti….

La Magione di S. Giovanni al Ponte

Piccolo ma splendido complesso monumentale riferibile al XII secolo. Il complesso dello Spedale e del castello appartenne in un primo periodo ai Templari e dal XIV secolo ai Gerosolimitani. Le due strutture edilizie, quella dello Spedale e quella del castello sono collegate dalle mura difensive del castello in un unico complesso, ma le singole strutture sono separate e ben distinte, entrambe prospettanti su di un piccolo cortile interno. Lo Spedale ha due porte d'accesso, una delle quali si apre sulla parete laterale, lato strada, consentendo l'accesso dei viandanti nelle ore notturne, quando tutti gli altri accessi erano chiusi.

San Martino a Luco

A qualche centinaio di metri dal castello di Strozzavolpe si trova la pieve di S. Martino a Luco, costruzione romanica i cui muri perimetrali sono formati da regolari bozze di tufo e travertino, ricordata per la prima volta nell'anno 983. Nel 998 fu donata dal marchese Ugo di Toscana alla badia di Marturi e visse, nei secoli successivi, continue dispute per il controllo delle sue pingui rendite.